Rollerball

In un campo di gioco circolare, un catino metallico concavo, due squadre di giocatori, alcuni su pattini a rotelle, e altri in moto, si contendono una grossa palla d’acciaio sparata da un cannone pneumatico, per lanciarla in gol nella porta avversaria. Il Rollerball è lo sport che ha soppiantato tutti gli altri, l’unico capace di entusiasmare ed appassionare l’umanità del 2018, una umanità affrancata dalle guerre, dal bisogno e dalle malattie. Nazioni ed etnie sono scomparse, e le Corporazioni controllano e guidano il mondo, provvedendo alle necessità della popolazione. Una società apparentemente perfetta, che ha fatto del violentissimo Rollerball l’evento catartico adatto a stemperare le ansie e le insoddisfazioni residue dell’animo umano. Quando a Jonathan E, indiscusso ed acclamato capitano dell’Houston, la squadra della Corporazione dell’Energia, viene chiesto di ritirarsi, ufficialmente perchè dopo tanti anni di vittorie lasci il posto ai giovani, ma in realtà perchè il sistema ne teme l’enorme popolarità, che potrebbe renderlo un leader anche al di fuori del mondo sportivo, il campione rifiuta. La decisione di Jonathan inasprisce il potere, ed i dirigenti delle Corporazioni, dopo averlo blandito in ogni modo, ne decretano la fine, da ottenersi con la sconfitta nel campionato in corso. Ma lo Houston è squadra forte e compatta, e il piano si rivela assai difficile da realizzare. Trama Completa